All Title Author
Keywords Abstract


Primi dati sulla chirotterofauna del Parco Nazionale del Circeo (Lazio)

DOI: 10.4404/hystrix-14.0-4282

Full-Text   Cite this paper   Add to My Lib

Abstract:

Il Parco Nazionale del Circeo è situato sulla costa del Lazio meridionale, nella provincia di Latina, ed ha un?estensione di circa 8.400 ha. Il territorio è caratterizzato da una notevole complessità di ambienti rappresentati principalmente dalla foresta planiziale, da quattro laghi costieri (Fogliano, Monaci, Caprolace, Sabaudia) con gli acquitrini circostanti, dalla duna litoranea, dal Promontorio del Circeo (Picco di Circe 541 m s.l.m.) e dall?Isola di Zannone. Grazie alla sua elevata diversità ambientale ed all?ampia disponibilità di habitat acquatici importanti per il foraggiamento, il Parco è, potenzialmente, un?area di notevole interesse per i Chirotteri. Il livello di conoscenza scientifica di molti gruppi di Vertebrati terrestri del territorio dell?area protetta si presenta ancora molto scarno e lacunoso; in particolare i Chirotteri costituiscono molto probabilmente il gruppo in assoluto meno conosciuto. Dal febbraio 2002 gli autori hanno avviato una ricerca sulla composizione in specie e sulla distribuzione della chirotterofauna del Parco. Nell?ambito della ricerca sono state utilizzate tecniche di rilievo diretto, quali l?ispezione di cavità naturali ed artificiali, edifici, resti archeologici, ponti, con cattura e successivo rilascio di alcuni individui; con l?ausilio di un bat detector, nelle modalità ?divisione di frequenza? ed ?eterodina?, sono state effettuate perlustrazioni del territorio dell?area protetta per individuare quei siti caratterizzati da una notevole attività di volo e di foraggiamento e quindi predisporre, per la stagione di campo 2003, un protocollo di catture con mist nets. L?indagine ha permesso, fino ad oggi, di ottenere una prima serie di dati; è stata rilevata la presenza di: Rhinolophus ferrumequinum, Rhinolophus hipposideros, Myotis myotis, Myotis daubentonii, Pipistrellus kuhli, Tadarida teniotis. A queste vanno aggiunte tre specie rilevate fra il 1994 ed il 2001: Myotis emarginatus, Pipistrellus pygmaeus ed Hypsugo savii. La ricerca di rifugi invernali, condotta da ottobre 2002 a marzo 2003, non ha dato esito positivo. L?indagine relativa ai rifugi estivi, condotta nel 2002 ed attualmente in corso per il 2003, ha invece permesso di individuare una colonia mista di Rinolofidi e Vespertilionidi (settembre 2002) ed una colonia riproduttiva di Myotis daubentonii (giugno 2003); in alcuni siti sono stati trovati maschi isolati o in piccoli gruppi. I risultati finora ottenuti costituiscono sicuramente solo un primo quadro della chirotterofauna del Parco Nazionale del Circeo. Al fine di compilare una puntuale checklist d

Full-Text

comments powered by Disqus